las cruces back pages

Indifferenza Letale Verso I Migranti

Nell’ambito del progetto europeo G-START è stata realizzata la versione in spagnolo dell’opuscolo “La mia salute”, dal titolo “Mi salud”. Lo scopo è raggiungere le persone Richiedenti Asilo e Titolari di Protezione Internazionale di lingua spagnola così da promuovere la loro capacità di accedere ai servizi e di mantenere un buono stato di salute e benessere psicofisico. Come i precedenti, anche questo è scaricabile dalla pagina dedicata.

Rifugiati che gli hanno scritto una lettera e che lui ha invitato a partecipare all’incontro dei movimenti popolari. Ha dunque ribadito che il paese nordafricano non è un luogo sicuro, perché non esistono… Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Il tempo di fare scendere i passeggeri, e sono cominciati i preparativi… I paradossi del caso Gregoretti non si sono esauriti al Senato — dov’è andato in scena il e infine del non voto leghista —, ma sono destinati a proseguire nel palazzo di giustizia di Catania. Kobe Child È lì che adesso torneranno gli atti del procedimento, e la… Air Max 95 Outlet Sulla regolarizzazione dei migrati in agricoltura è ora scontro aperto all’interno del governo. WINNIPEG BLUE BOMBERS JERSEY Alla ministra dell’agricoltura Teresa Bellanova, favorevole a una sanatoria almeno temporanea, ha risposto il sottosegretario e capo politico del M5S Vito…

  • «Siamo responsabilmente al governo – dice il senatore Enrico Aimi – e proprio per questo abbiamo il dovere di lanciare l’allarme su ciò che potrebbe accadere a Lampedusa già dalle prossime ore.
  • Nonostante del fenomeno migratorio l’aspetto che fa più notizia sia il flusso dal Sud verso il Nord del mondo, questa voce nel 2015 corrispondeva soltanto al 35% del totale.
  • Lo scopo è raggiungere le persone Richiedenti Asilo e Titolari di Protezione Internazionale di lingua spagnola così da promuovere la loro capacità di accedere ai servizi e di mantenere un buono stato di salute e benessere psicofisico.
  • Nell’ambito del progetto europeo G-START sono stati realizzati tre nuovi opuscoli, specifici per il territorio laziale, che si vanno ad aggiungere ai tre precedenti.
  • La colpa è di chi non vuole chiudere alla fonte il rubinetto del bisogno/desiderio di migrare.
  • Ricorrendo a un’immagine calcistica, è sempre più pressing a tutto campo quello che il leader della Lega Matteo Salvini promuove nei confronti del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese.

Una riforma urgente delle politiche di soccorso nel Mediterraneo, per tutelare sicurezza, dignità e diritti umani dei migranti che seguono la rotta tra Libia ed Europa. Lo chiede l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, nel rapporto intitolato “Lethal Disregard. Search and rescue and the Protection of migrants in the Central Mediterranean Sea”, presentato il 26 maggio . Tra gennaio 2019 e dicembre 2020 sono morti almeno 2.239 migranti che, partendo dalla Libia, cercavano la salvezza in Italia o a Malta. Nei primi sei mesi del 2021 identica drammatica situazione, con oltre 500 morti.

  • La Guardia costiera italiana ha fatto sapere a Open Arms che le operazioni di soccorso sarebbero state gestite dalle autorità libiche, ma Open Arms si è rifiutata di farlo.
  • Noi italiani, costretti dalla geografia a essere i primi a non accogliere adeguatamente, non possiamo contenere l’urto dei costretti a cercare accoglienza.
  • Il 9 gennaio la stessa nave ha vagato per 19 giorni con 49 migranti a bordo prima di ottenere l’autorizzazione allo sbarco a Malta.
  • Noi non possiamo permetterci troppi ospiti, loro non hanno più casa.
  • Il 12 giugno la Sea Watch ha recuperato 53 persone a largo della Libia.

L’assistenza ai minori migranti e la formazione del personale sanitario necessitano di interventi in grado di fronteggiare le sfide e le problematiche organizzative legate a una corretta gestione dei bisogni e delle vulnerabilità individuali. CAROLINA PANTHERS JERSEY Se ne è parlato in una serie di focus group realizzati dall’Istituto Superiore di Sanità, a supporto del progetto europeo EU-VET. Noi italiani, costretti dalla geografia a essere i primi a non accogliere adeguatamente, non possiamo contenere l’urto dei costretti a cercare accoglienza. Ma l’Europa è più grande e più forte di ciascuno dei singoli stati che la compongono, se impone a tutti di fare uno sforzo, di stringersi, di fare spazio, di aggiungere un posto a tavola, forse, si può intervenire sul destino dei migranti.

Viceversa ciò che preoccupa gli esperti è la maggiore esposizione https://carovanemigranti.org/da-una-barca-di-migranti-a-un-campionato-di-calcio-in-italia-la-carriera-a-scacchi-di-ebrima-darboe/ dei migranti stessi a malattie alle quali non sono immuni. Per approfondire consulta il compendio “Infectious Diseases Among Migrant Populations” pubblicato il 25 marzo 2021 sullaOxford Research Encyclopedia of Global Public Health e lanews pubblicata sul sito ISS. Il 15 marzo il centro nazionale di coordinamento del soccorso marittimo di Roma è stato avvertito della presenza di alcuni gommoni in difficoltà a una settantina di chilometri dalla Libia.